in News

Come la tecnologia digitale preserva le reliquie culturali della Cina

Di Pubblicato Giugno 23, 2022

Una figura CGI di una ballerina che indossa accessori per capelli e vestiti tradizionali cinesi sta aiutando a rendere popolare l'arte buddista. La piccola figura è stata ispirata dalle Flying Apsaras (spiriti dell'acqua femminili nella cultura buddista) raffigurate nei murales alle Grotte di Mogao a Dunhuang, un importante tesoro di arte e cultura situato lungo l'antica Via della Seta.

La figura virtuale, di nome Jia Yao, è l'ambasciatore virtuale ufficiale delle grotte di Dunhuang Mogao nella provincia di Gansu, nella Cina nord-occidentale. Le grotte ospitano 735 grotte contenenti alcuni dei migliori esempi di arte buddista che abbracciano.

Jia Yao è una parte degli sforzi dell'Accademia di Dunhuang per utilizzare la tecnologia digitale per promuovere e conservare le belle reliquie culturali del sito. Oltre a Jia Yao, altri usi della tecnologia includono la digitalizzazione dei murales, delle statue e dei testi buddisti trovati nel sito.

 

culturadigitale2106-2.jpg

 

Spostandosi nel sud-ovest della Cina, un altro importante sito culturale, le rovine di Sanxingdui, ha appena annunciato che sono in corso sforzi per digitalizzare le recenti scoperte archeologiche fatte nel sito.

Un archivio digitale dei dati archeologici raccolti presso le Rovine di Sanxingdui è in corso di costituzione per promuovere l'interpretazione digitale e la trasformazione della ricerca archeologica nel sito.

A maggio, il Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese e il Consiglio di Stato hanno pubblicato linee guida sullo sviluppo della strategia nazionale di digitalizzazione culturale del Paese. Le linee guida rilevano che entro il 2035 sarà istituito un sistema nazionale di big data culturali con l'obiettivo di presentare in modo completo la cultura cinese e consentire a tutte le persone del Paese di accedere ai risultati della ricerca culturale digitale.

Tra le numerose grotte, nel 1900 ne è stata scoperta una contenente un importante deposito di documenti. Questa cosiddetta "grotta della biblioteca" è una delle parti più importanti del progetto di digitalizzazione portato avanti dall'Accademia di Dunhuang e dal gigante cinese di Internet Tencent.

 

culturadigitale2106-1.jpg

 

Su Bomin, capo dell'Accademia di Dunhuang, ha affermato che nella Grotta della Biblioteca sono state trovate più di 50.000 reliquie culturali e la loro influenza si è espansa all'estero. Il progetto di digitalizzazione cerca di riprodurre la storia reale della grotta attraverso la tecnologia di scansione laser e ricostruzione fotografica combinata con la generazione di contenuti procedurali e la tecnologia di rendering fisico.

Queste tecnologie possono ripristinare i dettagli degli antichi dipinti nella grotta e altre reliquie culturali con una precisione millimetrica di 1:1.

La prima reliquia culturale che presto entrerà negli occhi del pubblico nel mondo virtuale è una reliquia culturale nazionale di prim'ordine: un libro dei conti risalente alla dinastia Song (960-1279). Questo libro fornisce informazioni sull'economia, la cultura, il calendario e le usanze popolari di Dunhuang dell'epoca.

 

culturadigitale2106-3.jpg

 

Le rovine di Sanxingdui hanno anche lanciato uno spazio interattivo digitale con nuove scoperte archeologiche come un altare di bronzo trovato nella fossa n.5. Entrando nello spazio digitale, i visitatori possono immergersi nell'antico Regno Shu mentre esplorano un museo digitale e il sito degli scavi.

Le vere reliquie culturali trovate nella fossa n. 5 sono state imballate e spedite a un centro di protezione culturale, lasciando la fossa vuota. Tuttavia, nello spazio interattivo digitale, le persone possono esplorare la fossa prima che fosse scavata. Ad esempio, si possono vedere sottili pezzi d'oro sparsi per la fossa.

 

culturadigitale2106-4.jpg

 

Gli sforzi per digitalizzare il patrimonio della Cina sono stati portati avanti per anni.

Yu Tianxiu, direttore del Dipartimento di digitalizzazione delle reliquie culturali dell'Accademia di Dunhuang, ha osservato che i primi sforzi di digitalizzazione delle grotte sono iniziati nei primi anni '90. A quel tempo, il più grande dibattito riguardava il tipo di tecnologia da utilizzare per archiviare il sito.

I frutti di questi sforzi di digitalizzazione si sono accumulati nel corso degli anni e la tecnologia utilizzata è migliorata e ora viene utilizzata in più campi, tra cui l'editoria e l'arte.

Altre tecnologie digitali come l'intelligenza artificiale e il motion capture hanno dato vita alla figura virtuale di Jia Yao. Per rendere la ragazza più reale, gli sviluppatori hanno persino dato al suo modello 3D uno scheletro e muscoli facciali.

Naturalmente, le sfide rimangono. Ding ha sottolineato che l'enorme numero di reliquie culturali pone un problema e che uno standard unificato deve ancora essere definito. Ding ha aggiunto che la tecnologia digitale deve continuare a migliorare poiché la tecnologia attuale può facilmente ricreare l'aspetto esteriore di un oggetto, ma è difficile registrare la struttura interna dettagliata degli oggetti.

 

 


Originally published on Improved digital technology preserving China’s cultural relics

Letto 115 volte Ultima modifica il Martedì, 21 Giugno 2022 16:24

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android