Administrator

Administrator

Vel augue aenean scelerisque sagittis vehicula turpis egestas lobortis condimentum vitae purus cursus, ullamcorper primis vulputate pellentesque scelerisque nullam etiam donec massa quisque.

Prato – In queste settimane di pandemia da COVID-19 e di inizio della stagione pollinica, molti pazienti allergici si trovano nella difficoltà di distinguere i sintomi dell’allergia da quelli da virus.

 

L’arrivo della primavera e le temperature miti hanno consentito la fioritura di molte piante e la conseguente dispersione di pollini nell’aria. In pazienti allergici, proprio la circolazione dei pollini, può provocare la tipica sintomatologia con congiuntivite, lacrimazione, starnuti, tosse.

 

L'allergia si manifesta con starnutazione con muco chiaro e di consistenza acquosa, naso chiuso, prurito nasale e oculare, prurito alla gola, al canale uditivo, tosse secca e a volte con difficoltà respiratoria ma non è mai presente la febbre e il malessere generale tipici delle forme virali.

 

La raccomandazione degli specialisti per tutti i pazienti che soffrono di allergie respiratorie è quella di continuare ad assumere la terapia, senza interromperla, per tenere sotto controllo i sintomi e limitare così il rischio di contagio per gli altri, riducendo la starnutazione e la tosse, e per sé stessi, riducendo il rischio che il prurito induca a toccarsi occhi e naso.

 

La Global INitiative for Asthma (GINA) ha recentemente raccomandato che i soggetti affetti da asma non debbano sospendere la terapia con cortisonici inalatori e nelle forme più gravi di asma non deve neanche essere sospesa quella con cortisonici per via orale.

 

I dati provenienti dai ricoveri per COVID-19 a Wuhan, mostrano, infine, che i pazienti allergici o con asma non hanno un rischio maggiore di contrarre l’infezione, né di essere ricoverati. Anche se lo studio è stato condotto soltanto su 140 pazienti e quindi ancora limitato ed in attesa di essere confermato sulla popolazione italiana, i risultati ed anche le caratteristiche dell’infezione permettono di escludere che la popolazione allergica sia più suscettibile al COVID-19.

La Cina ha stabilito una giornata di lutto nazionale per le vittime dell'epidemia di COVID-19 per domani 4 aprile. Per tutto il giorno le bandiere sventoleranno a mezz'asta nel paese e nelle ambasciate di tutti i paesi e saranno sospese le attività ricreative pubbliche; alle 10 del mattino saranno osservati tre minuti di silenzio mentre suoneranno le sirene di aeroporti, auto, treni e barche.

 

La data scelta è particolarmente significativa: il 4 aprile infatti cade la tradizionale Festa di Qingming (nota anche come il Giorno degli Antenati o Giorno della Pulizia delle Tombe), che viene celebrata 104 giorni dopo il solstizio d'inverno ed è il giorno in cui il popolo cinese ricorda ed onora i propri antenati, i familiari defunti e gli eroi e martiri nazionali.

 

1b2a78700cdc88e9de64acc9c2efafe2.jpg

 

Quello di martire è il più alto titolo onorifico del Partito Comunista Cinese e del Paese ed è assegnato a cittadini che coraggiosamente sacrificano la propria vita per la nazione e per la società.

Sono stati riconosciuti ufficialmente 14 martiri per il coronavirus, tra i quali il dottor Li Wenliang, che è stato tra i primi a segnalare la nuova epidemia venendo rimproverato dalla polizia locale.

Li Wenliang è morto a 34 anni il 7 febbraio per aver contratto il coronavirus.

Imperfect Love” è una serie di 22 episodi recitata dalle attrici Zhou Xun, Kara Wai e Angie Chiu che si concentra sulle storie delle molestie e degli abusi che le donne subiscono e sul sostegno che si offrono reciprocamente.

 

La serie racconta le vicende di Lin Xuzhi (Zhou Xun) dopo il suo incontro con Mu Liansheng, una bambina di 7 anni che vive con la madre recentemente divorziata ed il suo nuovo compagno Shang Wu.

 

Shang sottopone Mu a violenze di vario genere: la costringe a stare di fronte ad un bersaglio durante una partita di tiro a segno e a fingere di essere colpita, più volte finché la finzione non è soddisfacente, la rinchiude in una scatola di cartone o, infine, la obbliga a mettersi il rossetto e ad indossare abiti sexy. L'incontro con Lin è quindi la salvezza della bambina che può così scappare dalla sua vita di tortura.

 

imperfect 3.jpeg

 

I netizen hanno molto apprezzato “Imperfect Love”, a cui hanno dato un punteggio di 7,1 / 10 sul sito di recensioni dei media cinesi Douban, soprattutto per i risvolti sociali della trama.

 

La serie infatti è stata trasmessa in concomitanza con le notizie provenienti dalla Corea del Sud sullo scandalo di abusi sessuali “Nth Room”.

 

Si tratta un gruppo su Telegram dove dal 2018 al 2020 sono stati condivisi video di atti sessuali violenti con protagoniste ragazze minorenni, che ha visto il coinvolgimento di oltre 260.000 membri che avevano pagato in criptovaluta per unirsi al gruppo ed accedere ai contenuti conservando l'anonimato.

 

Queste notizie hanno scosso i netizen che hanno reagito chiedendo alle autorità di investigare sulla presenza di siti analoghi in Cina al fine di chiuderli e perseguirne i responsabili.

 

imperfect 2.jpeg

 

Pur riconoscendo il valore di azioni legali, secondo gli esperti la violenza si vince soprattutto grazie all'educazione sessuale delle donne. È questa l'opinione di Sun Xuemei, una delle fondatrici della Girl's Protection Foundation, che afferma che alcune ragazze non riconoscono comportamenti osceni e non si rendono conto di essere abusate a a causa di una inadeguata educazione sessuale, mentre una educazione corretta le aiuterebbe a non sentirsi in colpa e a denunciare gli abusi.

 

Da questo punto di vista, una serie come “Imperfect Love” svolge una funzione sociale importante, contribuendo a combattere la violenza sulle donne.

2月23日,由李易峰、江疏影领衔主演的电视剧《我在北京等你》在卫视首播,正面迎战另一部由孙俪亲自坐镇的《安家》。

Pagina 1 di 354

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android