Stanno arrivando ancora in questi giorni presso la sede del Dipartimento del Farmaco a San Salvi, i pacchi di mascherine dalla Cina donati da sette medici specializzati cinesi, ospiti negli anni scorsi della Asl Toscana centro nell’ambito del progetto di collaborazione con il Ministero della Salute Cinese e curato dalla Asl attraverso lo staff delle relazioni internazionali aziendali. Si tratta di 6000 mascherine che verranno distribuite negli ospedali della Toscana centro grazie alla generosità di questi sette medici cinesi, tutti provenienti dall’ospedale affiliato Guangdong Medical University e dal “Second Affiliated Hospital”, che fra il 2015 e il 2019 hanno studiato a Firenze presso l’ospedale Santa Maria Nuova.

 

I pacchi sono stati preceduti da uno scambio di email in cui uno dei medici della provincia del Guangdong, ospite a Firenze nel 2018, ha ricordato i mesi di tirocinio fatto nei reparti degli ospedali aziendali.

 

Il progetto con la Asl è attivo da circa 7 anni e in questo periodo di tempo oltre 350 medici specialisti cinesi, provenienti da tutta la Cina, hanno trascorso un periodo di frequenza osservazionale negli ospedali dell'area fiorentina e nei presidi di Prato e Empoli. Gli scambi si sono intensificati negli anni e la donazione di questi giorni è il frutto di un intenso rapporto di collaborazione che la struttura Rapporti internazionali dell’Azienda ha curato nel tempo.

 

teli con le scritte di supporto a Firenze arrivate dalla Cina.jpg

 

Teli arrivati dalla Cina con le bandiere cinesi e italiana.jpg

Il Centro Pecci accoglie nuovamente i suoi visitatori a partire da giovedì 21 maggio, in piena sicurezza e con una ricca programmazione: dalla proroga di The Missing Planet alla nuova video installazione Interregnum di Adrian Paci; dalle dieci bandiere d’artista realizzate per Centro Pecci Extra al progetto KENE/Spazio, alla mostra dedicata a Ren Hang.

 

Dopo 10 settimane di chiusura, i nostri spazi sono stati sanificati e riorganizzati secondo le indicazioni delle autorità preposte e tutti i presidi di protezione personale necessari sono già disponibili. Le caratteristiche del nostro edificio, grande e spazioso, rendono fortunatamente semplice il distanziamento fisico e la gestione dei flussi di visitatori che saranno comunque contingentati, permettendo a non più di 60 persone di essere presenti contemporaneamente all’interno del museo.

 

Per essere ancora più aperti alla città e a chi vorrà visitarci, l’ingresso fino al 3 giugno sarà gratuito per tutti, con orario 12-20 dal giovedì alla domenica.

 

Sono inoltre gli ultimi giorni del nostro format Centro Pecci Extra per come l’avete conosciuto fino ad ora. L’attenzione alla produzione di contenuti digitali e l’attività online, manterranno comunque un ruolo centrale anche in futuro e non solo attraverso la Web Tv: lo spazio digitale del museo sarà uno dei contesti in cui alimentare il pensiero critico e il confronto con la scena culturale globale, oggi che la condivisione di pensieri, contenuti, esperienze è più essenziale che mai e può generare nuovi scenari per l’arte nazionale e internazionale.

 

EXTRAFLAGS

andreco.JPG

 

Mentre all’esterno del museo sventolerà la nuova bandiera ideata da Andreco, ALL WE HAVE IS EACH OTHER – ECOCENTRISM AND MUTUAL AID (2020), nelle sale interne prenderà avvio il progetto EXTRA FLAGS.

La bandiera di Andreco mostra un’ellisse di rocce nere, a rappresentare un sistema in equilibrio, su uno sfondo turchese con bordo oro; i colori più usati nelle icone sacre.

Questa figura, immaginifica e paradossale, ricorda la tecnica costruttiva della “chiave

di volta”, con cui, sin dall’antichità, dagli etruschi e poi dai romani, vengono realizzati gli archi. In

questo caso però, ogni elemento è una chiave di volta. Il fenomeno di co-dipendenza statica che viene esercitato tra tutti gli elementi permette l’esistenza della forma, del “corpo collettivo”. L’immagine rappresenta per l’artista il concetto di mutualismo. Gli organismi in rapporto mutualistico traggono infatti beneficio l’uno dall’esistenza dell’altro. Queste rocce, da un certo punto di vista, hanno attivato tra loro un processo simbiotico mutualistico.

Per Andreco si può sfuggire dalla catastrofe attuale in primo luogo cambiando il punto di vista da

antropocentrico ad ecocentrico, considerarsi cioè parte di un mondo, di un ecosistema complesso ed interconnesso, fatto di esseri umani ma anche di altri animali, di piante, di materia organica ed

inorganica che interagisce, si trasforma continuamente seguendo variabili sensibilissime.

Questa è l’unica strada per uscire dalla crisi, ricordarsi che “tutto quello che abbiamo siamo noi

stessi”, noi inteso come l’intero pianeta terra, l’universo ed oltre. “All we can have is Each other”.

La riapertura del museo è anche l’occasione per presentare nelle sale del museo Extra Flags, le dieci bandiere d’artista realizzate per Centro Pecci Extra, il palinsesto di contenuti che ha tenuto viva la programmazione del museo durante i mesi di lockdown. Realizzate da Marinella Senatore, Nico Vascellari, Marzia Migliora, Eva Marisaldi, Flavio Favelli, Marcello Maloberti, Elisabetta Benassi, Massimo Bartolini, Elena Mazzi e infine Andreco, queste bandiere sono state issate con cadenza settimanale sul pennone davanti al museo, segno di resistenza e di speranza nel mondo reale, nei giorni in cui sembrava che l’orizzonte digitale fosse l’unico praticabile.

Le bandiere saranno il punto di partenza di un laboratorio dedicato ai più giovani, che avrà luogo nelle due sale espositive trasformate in aule didattiche, pensate per accogliere da subito e in sicurezza i bambini e le loro famiglie.

 

MOSTRA

Adrian Paci_Interregnum.jpg

 

ADRIAN PACI. INTERREGNUM

21.05 – 23.08.2020

a cura di Cristiana Perrella

La video installazione Interregnum di Adrian Paci (Scutari, 1969) è stata scelta per il dialogo che instaura con la mostra The Missing Planet, una ricognizione dell'arte post sovietica a partire dalla collezione del Centro pecci. Interregnum (2017) presenta un montaggio di sequenze di funerali di dittatori comunisti di diverse nazionalità ed epoche, recuperate dagli archivi di stato o dalle trasmissioni televisive nazionali albanesi. Il video collega diverse società comuniste attraverso il linguaggio condiviso del dolore e del lutto.

Interregnum mostra dapprima uomini, donne, bambini ripresi in primo piano, in lacrime, per poi passare a inquadrature da lontano, che li vedono ordinati in code chilometriche: il corpo individuale diviene un corpo collettivo che occupa i grandi spazi urbani. Il film rivela da un lato il dolore dei singoli che, come ricorda l’artista albanese, “non era contemplato nella società comunista” ma che tuttavia si manifesta irrefrenabile, liberato dalla morte dei leader, dall'altro ci fa assistere a un crescendo in cui la manipolazione delle masse e la spersonalizzazione dell'identità individuale ad opera dei regimi diventano sempre più evidenti.

 

MOSTRA

HJGJK.jpeg

 

REN HANG

04.06 – 23.08.2020

a cura di Cristiana Perrella

A partire dal 4 giugno, inoltre, fino al 23 agosto 2020 l’offerta espositiva del Centro Pecci sarà arricchita dalla prima mostra italiana dedicata all’acclamato fotografo e poeta cinese Ren Hang (Changchun 1987- Pechino 2017), tragicamente scomparso a neppure trent’anni. L’artista, che non ha mai voluto essere considerato un artista politico – nonostante le sue fotografie fossero ritenute in Cina pornografiche e sovversive – è noto soprattutto per la sua ricerca su corpo, identità, sessualità e rapporto uomo-natura, che ha per protagonista una gioventù cinese nuova, libera e ribelle. Nella mostra al Centro Pecci verrà esposta una selezione di scatti provenienti da collezioni internazionali, capace di restituire tutta l’intensità della sua poetica.

 

MOSTRA

unnamed (5).jpg

 

THE MISSING PLANET

Visioni e revisioni dei “tempi sovietici” dalla collezione del Centro Pecci e da altre raccolte

a cura di Marco Scotini e Stefano Pezzato

fino al 23.08.2020

La mostra THE MISSING PLANET, visioni e revisioni dei “tempi sovietici” dalla collezione del Centro Pecci e da altre raccolte, a cura di Marco Scotini e Stefano Pezzato e con progetto di allestimento di Can Altay, è prorogata fino al 23 agosto, per recuperare il periodo di chiusura. Dalla Russia alle province baltiche, caucasiche e centro-asiatiche, un’immersione nelle ricerche artistiche sviluppate dagli anni Settanta a oggi nelle ex repubbliche sovietiche, attraverso le opere della collezione del Centro Pecci e di altre importanti raccolte internazionali.

Per maggiori informazioni: www.centropecci.it/MissingPlanet

 

MOSTRA

unnamed (4).jpg

 

Mohamed Keita. Kene/Spazio

a cura Sara Alberani

fino al 28.06.2020

La mostra, promossa dalla Fondazione Pianoterra Onlus, nasce dall'omonimo progetto, unico nel suo genere, che riporta Keita in Mali, a Bamako, per creare uno spazio dove i ragazzi possano imparare la fotografia come punto di partenza per un’educazione primaria e un accrescimento culturale. Un progetto in cui l’arte è strumento di ricerca urbana e mezzo di trasformazione sociale. La mostra documenta questa esperienza attraverso 5 fotografie di Mohamed Keita e circa 50 immagini realizzate dai giovani studenti in Mali.

Per maggiori informazioni: https://www.centropecci.it/it/mostre/mohamed-keita-kene- spaziomostre/mohamed-keita-kene- spazio

Consegnati da Associazione Generale Ramunion Italia con il supporto di Croce Rossa Italiana – Comitato di Prato

Prato – In queste settimane di pandemia da COVID-19 e di inizio della stagione pollinica, molti pazienti allergici si trovano nella difficoltà di distinguere i sintomi dell’allergia da quelli da virus.

 

L’arrivo della primavera e le temperature miti hanno consentito la fioritura di molte piante e la conseguente dispersione di pollini nell’aria. In pazienti allergici, proprio la circolazione dei pollini, può provocare la tipica sintomatologia con congiuntivite, lacrimazione, starnuti, tosse.

 

L'allergia si manifesta con starnutazione con muco chiaro e di consistenza acquosa, naso chiuso, prurito nasale e oculare, prurito alla gola, al canale uditivo, tosse secca e a volte con difficoltà respiratoria ma non è mai presente la febbre e il malessere generale tipici delle forme virali.

 

La raccomandazione degli specialisti per tutti i pazienti che soffrono di allergie respiratorie è quella di continuare ad assumere la terapia, senza interromperla, per tenere sotto controllo i sintomi e limitare così il rischio di contagio per gli altri, riducendo la starnutazione e la tosse, e per sé stessi, riducendo il rischio che il prurito induca a toccarsi occhi e naso.

 

La Global INitiative for Asthma (GINA) ha recentemente raccomandato che i soggetti affetti da asma non debbano sospendere la terapia con cortisonici inalatori e nelle forme più gravi di asma non deve neanche essere sospesa quella con cortisonici per via orale.

 

I dati provenienti dai ricoveri per COVID-19 a Wuhan, mostrano, infine, che i pazienti allergici o con asma non hanno un rischio maggiore di contrarre l’infezione, né di essere ricoverati. Anche se lo studio è stato condotto soltanto su 140 pazienti e quindi ancora limitato ed in attesa di essere confermato sulla popolazione italiana, i risultati ed anche le caratteristiche dell’infezione permettono di escludere che la popolazione allergica sia più suscettibile al COVID-19.

Pagina 1 di 10

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android