Dal Black Lives Matter alle creme sbiancanti vendute nel subcontinente, il passo è stato breve. Ma gridare allo scandalo puntando il dito contro un unico brand, senza guardare al quadro generale della società indiana, farà dimenticare presto le rivendicazioni.

 

Come siamo finiti a parlare di creme sbiancanti asiatiche, quando solo ieri eravamo uniti al grido di Black Lives Matter? Il movimento statunitense si sta riverberando nel mondo, con effetti globali declinati in modo straordinariamente locale. La sua versione indiana ha così preso di mira la più pervasiva delle discriminazioni che si trovasse in casa, il problema più apertamente denunciato e inefficacemente affrontato – quello del whitening, dello sbiancamento, e prima ancora dell’irragionevole primato delle carnagioni chiare.

 

Continua a leggere: https://www.nuoveradici.world/articoli/creme-sbiancanti-in-india-ecco-quello-che-avreste-dovuto-sapere-prima-di-postare/

Negli ultimi anni in Cina è cresciuto il numero delle famiglie composte da una sola persona, e si è affermato uno stile di vita incentrato sullo stare in casa e sui piaceri e sulle attività domestiche.

 

Se nel 2015 i single erano 58 milioni, ad oggi il numero è salito a 77 milioni ed ha catturato l'interesse delle piattaforme di video in streaming cinesi.

 

Solo.jpg

 

Nel mese di maggio iQiyi, Youku e Tencent Video si sono sfidati proponendo ciascuno un programma dedicato ai single, che pure con le differenze tra l'uno e l'altro, hanno ottenuto recensioni favorevoli su Douban: gli spettatori hanno dato voti che andavano da un minimo di 6,9 per lo spettacolo di iQiyi, caratterizzato da una forte presenza di star, ai 7,6 per lo show di Youku, maggiormente concentrato sulle differenze generazionali tra le star Millennial e quelle Gen X e Gen Z.

 

Su questi programmi hanno investito diversi marchi, con il caso particolare di Rio, il marchio cinese di alcol di proprietà della australiana Bacchus Distillery.

 

Rio sta portando avanti una ampia strategia di marketing che ruota intorno all'idea di aiutare i giovani a godersi la vita da soli, e lo fa appoggiandosi a testimonial famosi, come l'attrice Zhou Dongyu, protagonista di una campagna pubblicitaria trasmessa in concomitanza con il debutto degli show.

 

0 (1).jpg

 

Il marchio ha sponsorizzato tutti e tre i programmi, dove i suoi prodotti compaiono in numerose occasioni, bevuti dalle star in contesti sociali o mentre sono impegnate in attività a casa; in un caso, Rio ha collaborato con il marchio di gelati Gemice, proponendo ricette per la preparazione di bevande da dessert che usavano i prodotti di entrambe le società.

Il video "Siamo ancora tutti sulla stessa barca " prodotto da Nuove Radici World e realizzato da Sara Lemlem, con la musica di Raffaele Kohler e Francesco Moglia, per affrontare la ripartenza con il mood giusto: dobbiamo avere obiettivi, non cercare bersagli.

 

 

Abbiamo vissuto un lungo tempo sospeso, in città deserte, in un mondo improvvisamente spopolato da esseri umani. I protagonisti del video e del nostro storytelling non si sono mai fermati: medici, infermieri, volontari, magazzinieri, rider. Italiani e stranieri, per la prima volta, tutti, sulla stessa barca. Anche NRW non si è mai fermata e vi ha raccontato le storie di chi ci ha aiutato a superare il lockdown. Ora che il mondo è ripartito, con la sua carica di rabbia, paura, incertezza, non torniamo a dividerci e a cercare capri espiatori: siamo ancora, tutti, sulla stessa barca. (Cristina Giudici)

Cosa fanno 32 aspiranti cuochi di diverse nazionalità su Zoom durante l'era Covid-19? Cucinano, imparano l'inglese, superano barriere. Grazie all'impresa sociale fondata a Londra da Jess Thompson nel 2017.

 

Migrateful è una di quelle esperienze che fanno bene alla mente e al corpo, in particolare allo stomaco. Creata nel 2017 a Londra da Jess Thompson, è un’impresa sociale che organizza lezioni di cucina etnica tenute da rifugiati e richiedenti asilo, con all’attivo una squadra di 32 cuochi provenienti da Paesi di tutto mondo, come Gambia, Libano, Ecuador, Pakistan, Siria.

 

Si tratta di rifugiati ostacolati da barriere linguistiche e sociali, di migranti che in alcuni casi vivono in Gran Bretagna da anni ma non hanno altra opportunità di parlare inglese, oppure sono richiedenti asilo che, in attesa di documenti, non possono ancora lavorare.

 

Continua a leggere: https://www.nuoveradici.world/articoli/migrateful-che-sembra-masterchef-ma-invece-serve-a-favorire-linserimento-sociale-in-uk/

Pagina 1 di 6

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android