Il Gruppo di Riflessione su Regolarizzazione e Inclusione, Grei250, sta per presentare una serie di emendamenti al Decreto Rilancio sulla regolarizzazione dei migranti irregolari. Gianfranco Schiavone di Asgi ne fa parte e spiega a NRW perché e come cambiarlo per renderlo ragionevole.

 

«Un quadro arbitrario, moralmente inaccettabile» riassume lapidario Gianfranco Schiavone, vicepresidente dell’Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione, impegnato in questi giorni a scrivere gli emendamenti da proporre per correggere il provvedimento di regolarizzazione dei migranti compreso nel decreto Rilancio. Un lavoro certosino fatto con alcuni avvocati, ed esperti di diritto e di lavoro di Grei250.

 

Continua a leggere su: https://www.nuoveradici.world/articoli/il-gruppo-dei-250-e-il-tema-non-solo-morale-della-regolarizzazione-dei-migranti/

Il video "Siamo ancora tutti sulla stessa barca " prodotto da Nuove Radici World e realizzato da Sara Lemlem, con la musica di Raffaele Kohler e Francesco Moglia, per affrontare la ripartenza con il mood giusto: dobbiamo avere obiettivi, non cercare bersagli.

 

 

Abbiamo vissuto un lungo tempo sospeso, in città deserte, in un mondo improvvisamente spopolato da esseri umani. I protagonisti del video e del nostro storytelling non si sono mai fermati: medici, infermieri, volontari, magazzinieri, rider. Italiani e stranieri, per la prima volta, tutti, sulla stessa barca. Anche NRW non si è mai fermata e vi ha raccontato le storie di chi ci ha aiutato a superare il lockdown. Ora che il mondo è ripartito, con la sua carica di rabbia, paura, incertezza, non torniamo a dividerci e a cercare capri espiatori: siamo ancora, tutti, sulla stessa barca. (Cristina Giudici)

Il presidente Luca Zhou Long: “I mesi di chiusura hanno acuito le difficoltà di tante famiglie del nostro territorio”

Dalla regina televisiva di Tirana, salita sul palco dell'Ariston, ai tanti giovani arrivati durante le prime ondate migratorie. Oggi, complici gli aiuti anti-Covid annunciati dal premier Rama, i rapporti tra le due nazioni sono più idilliaci che mai. Ma non è sempre stato così.

 

È il 6 febbraio. Sul palco dell’Ariston, la regina della tv albanese Alketa Vejsiu vede esaudirsi la sua più grande ambizione: condurre il Festival di Sanremo. Ci racconta di un’Italia che accoglie e che è ancora in grado di attrarre, ci parla della sua vita, ci ricorda di quando ascoltare Albano e la Carrà era uno dei pochi mezzi per sfuggire alla censura comunista in Albania.

 

Continua a leggere: https://www.nuoveradici.world/articoli/albanesi-ditalia-contro-il-covid-solo-storie-di-successo-o-ci-stiamo-dimenticando-qualcosa/

Pagina 1 di 33

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android