Sono numerosi i marchi dell’alta moda e del make-up che stanno rivolgendosi al mondo dei videogiochi per attrarre l’attenzione dei giovani consumatori.

 

Secondo le ultime stime, il mondo del gaming lo scorso anno valeva circa 152 miliardi di dollari a livello globale, e la Cina è un mercato particolarmente importante, con una popolazione di giocatori online composta da quasi mezzo miliardo di persone, di cui più della metà donne.

 

L’avvicinamento dei marchi del lusso al mercato del gaming prova che si sta superando il pregiudizio che pesava sul mondo dei videogiochi, e questo sia perché i genitori dei bambini di oggi sono cresciuti giocando, sia perché si è largamente diffuso il gioco sui social mobili tra le donne, che spesso si dedicano a questa attività nel lungo tempo che trascorrono sui mezzi di trasporto pubblico per andare e tornare da lavoro.

 

736c13e6-47c5-11ea-befc-ef9687daaa85_972x_055910.jpg

 

Le strategie usate dai marchi sono diverse.

 

Il produttore del settore della bellezza Benefit Cosmetics ha annunciato a gennaio una partnership con l’organizzazione di e-sport Gen.G che ha portato alla costituzione in Asia di comunità di giocatrici, ed ora le società stanno creando una serie di video per Instagram e YouTube dove le giocatrici parlano di cosa significhi essere una influencer e ottenere restyling nello stile del loro “volto di gioco”.

 

Gucci, che già nel 2019 aveva lanciato sulla sua app mobile la funzionalità Gucci Arcade, che permetteva agli utenti di giocare a giochi in stile retrò in cambio di badge digitali Gucci, quest’anno ha invitato la squadra della League of Legends alla sua sfilata uomo autunno/inverno 2020 durante la Settimana della Moda di Milano.

 

Altri marchi guardano invece al mondo del gaming per le loro collezioni. È il caso di Louis Vuitton che si è ispirato agli universi propri della League of Legends per la sua collezione di abiti ed accessori femminili, o di Moschino, che si è rivolto al gioco The Sims per la sua collezione capsule autunno/inverno 2019 che includeva borse pixelate, magliette e motivi con l’iconico diamante verde galleggiante del gioco.

 

Strategie diverse, dunque, tutte orientate a conquistare il mercato dei videogiocatori.

Sono numerosi i marchi dell’alta moda e del make-up che stanno rivolgendosi al mondo dei videogiochi per attrarre l’attenzione dei giovani consumatori.

Secondo le ultime stime, il mondo del gaming lo scorso anno valeva circa 152 miliardi di dollari a livello globale, e la Cina è un mercato particolarmente importante, con una popolazione di giocatori online composta da quasi mezzo miliardo di persone, di cui più della metà donne.

L’avvicinamento dei marchi del lusso al mercato del gaming prova che si sta superando il pregiudizio che pesava sul mondo dei videogiochi, e questo sia perché i genitori dei bambini di oggi sono cresciuti giocando, sia perché si è largamente diffuso il gioco sui social mobili tra le donne, che spesso si dedicano a questa attività nel lungo tempo che trascorrono sui mezzi di trasporto pubblico per andare e tornare da lavoro.

Le strategie usate dai marchi sono diverse.

Il produttore del settore della bellezza Benefit Cosmetics ha annunciato a gennaio una partnership con l’organizzazione di e-sport Gen.G che ha portato alla costituzione in Asia di comunità di giocatrici, ed ora le società stanno creando una serie di video per Instagram e YouTube dove le giocatrici parlano di cosa significhi essere una influencer e ottenere restyling nello stile del loro “volto di gioco”.

Gucci, che già nel 2019 aveva lanciato sulla sua app mobile la funzionalità Gucci Arcade, che permetteva agli utenti di giocare a giochi in stile retrò in cambio di badge digitali Gucci, quest’anno ha invitato la squadra della League of Legends alla sua sfilata uomo autunno/inverno 2020 durante la Settimana della Moda di Milano.

Altri marchi guardano invece al mondo del gaming per le loro collezioni. È il caso di Louis Vuitton che si è ispirato agli universi propri della League of Legends per la sua collezione di abiti ed accessori femminili, o di Moschino, che si è rivolto al gioco The Sims per la sua collezione capsule autunno/inverno 2019 che includeva borse pixelate, magliette e motivi con l’iconico diamante verde galleggiante del gioco.

Strategie diverse, dunque, tutte orientate a conquistare il mercato dei videogiocatori.

ByteDance, la compagnia dietro al successo di TikTok (o Douyin com'è chiamata in Cina), la terza applicazione più scaricata al mondo, è pronta a conquistare il mondo con un nuovo programma di streaming musicale e di gaming.

Nel 2016 la Cina contava circa 3000 posti in questo mercato, che si prevede crescerà di 13 volte da qui al 2021 raggiungendo i 721 milioni di dollari

 

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android