Luca Zhou Long, presidente Ramuion Italia: “Grande stima per il sindaco Giampiero Fossi e per il territorio al quale siamo molto legati per la nostra attività sportiva e culturale del Dragon Boat”

Sorveglianza attiva dell’Azienda sanitaria in collaborazione con la Protezione civile territoriale

Da ieri è in funzione l’ambulatorio Lilla a Osmannoro. Gli assistenti sanitari presenti hanno iniziato la loro attività che ha permesso di valutare un primo caso. Si tratta di un giovane rientrato dalla Cina da meno di quattordici giorni in presenza di una prima sintomatologia (tosse, febbre, mal di gola). E’ stato prelevato il campione respiratorio ed inviato al laboratorio di microbiologia di Careggi. Nel pomeriggio il test ha dato esito negativo ed è stato prontamente comunicato al diretto interessato.

 

L’attività dell’ambulatorio prosegue al fine di garantire ogni possibile misura di prevenzione. Un contesto nel quale rientrano le misure già adottate quali il sostegno all’isolamento volontario già attuato da una parte consistente della Comunità cinese e oggetto di specifica sorveglianza sanitaria.

 

I cittadini cinesi rientrati in Toscana negli ultimi due mesi sono circa 1300, segnalati all’azienda sanitaria, e sono in isolamento domiciliare volontario ed oggetto di sorveglianza attiva da parte del Dipartimento di Prevenzione.

 

Gli altri cittadini che si sono recati in Cina per trascorrere le festività del Capodanno sono attualmente bloccati dalle autorità cinesi. Sono 364 i bambini in isolamento domiciliare volontario con le rispettive famiglie. Di queste 120 hanno già superato il periodo di 14 giorni di isolamento previsto dalla circolare ministeriale.

 


In un rapporto di proficua collaborazione con il Consolato cinese, coloro che rientrano dalla Cina sono invitati ad attuare un isolamento volontario a domicilio di 14 giorni. Sono state già state diffuse le informazioni tradotte in lingua cinese relative alle modalità di auto monitoraggio domiciliare delle condizioni di salute.

 

L’attività dell’ambulatorio Lilla si colloca nel suddetto contesto ed ha come riferimento soltanto i casi di soggetti residenti nei territori dell’Asl Toscana Centro, che rientrati da meno di 14 giorni da un’area a rischio manifestino lievi sintomi, evitando di recarsi impropriamente ai pronto soccorso come è già accaduto in diverse circostanze. Per coloro che dovessero manifestare una sintomatologia più critica l’indicazione è di rivolgersi al 118 per attivare le misure di pronto intervento e conseguente assistenza ospedaliera. Pertanto l’attività dell’ambulatorio a Osmannoro, che richiede una prenotazione tramite Cup, riguarderà una casistica limitata e programmata di persone. Il personale di assistenza sanitario in servizio presso l’ambulatorio si occuperà anche della sorveglianza attiva.

 

Un percorso, quello disegnato dall’azienda sanitaria, in sintonia con le misure disposte dal Ministero della Salute e dalla Regione Toscana.

 

A seguito di ripetute comunicazioni a mezzo stampa e social sulla necessità di “effettuare diffusamente la quarantena di tutti i cittadini in rientro dalla Cina”, è stata fatta formale richiesta al Commissario per la Gestione dell’emergenza Coronavirus, dottor Borrelli, per avere delucidazioni in merito, nella convinzione di aver operato nel pieno rispetto delle indicazioni ministeriali e tenuto conto che tale misura di natura coercitiva non risulta adottata in nessun altro Paese al di fuori della Cina.

Dopo il grande successo di critica e di pubblico della stagione scorsa torna in Italia ed arriva a Firenze, al Teatro Puccini il 12 febbraio, ore 21.00,  MURDER BALLAD, il rock musical statunitense ideato e scritto da Julia Jordan, con i testi e le musiche di Juliana Nash: uno degli spettacoli più originali degli ultimi vent’anni di produzione Off-Broadway.

 

Un triangolo amoroso, il rock e un omicidio: questi gli ingredienti che compongono la miscela esplosiva di MURDER BALLAD, rock musical dal sapore metropolitano e underground. Novanta minuti di emozioni sull’onda di brani dal sapore newyorkese, per un viaggio nei labirinti della mente, tra eros e thanatos, destino e libertà, alla ricerca di una risoluzione, forse della verità.

 

In scena un cast eccezionale, diretto da Ario Avecone e Fabrizio Checcacci: Arianna Bergamaschi, lo stesso Ario Avecone, Fabrizio Voghera, Myriam Somma, Martina Cenere, Valentina Naselli e Jacopo Siccardi. La direzione musicale è di Cosimo Zannelli. Il musical approda in Italia grazie al regista, autore e produttore Ario Avecone, ideatore del musical che da 7 anni porta in scena “Amalfi 839AD” e il suo seguito “Rebellion” presso l’Arsenale della Repubblica di Amalfi, con grande successo di pubblico e critica. Murder Ballad affronterà una tournée nazionale che lo porterà nelle maggiori città italiane nei mesi di Gennaio e Febbraio 2020.

 

“Se parliamo di un omicidio, è logico che ci sia un assassino e che qualcuno dovrà morire”. Così inizia Murder Ballad, rock musical firmato da Julian Jordan e Juliana Nash: un thriller passionale cantato in versi, che ruota intorno ad un triangolo amoroso e alla ricerca e scoperta di un presunto assassino. Protagonisti della storia sono Sarah, Tom e Michael, le cui vite s’intrecciano sullo sfondo di una New York anni ‘90 dalle grandi possibilità ma anche dove nascono grandi delusioni: Sarah e Tom sono due giovani artisti innamorati in cerca di fortuna; Michael è uno studioso di filosofia che sposa Sarah dopo la fine della relazione con Tom. Il caso vuole che Sarah e Tom si incontrino nuovamente dopo anni e vivano una nuova passionale storia. Quarto protagonista della storia è il Narratore, il “master of puppets” invisibile agli altri personaggi, che è affiancato da Destino e Libertà, i suoi bracci “armati”. In scena, Sarah è interpretata dalla cantante e attrice Arianna Bergamaschi, già protagonista dell’opera nella versione statunitense che ha debuttato nel 2016 al Detroit Public Theatre e interprete di numerosi musical, tra cui “La Bella e la Bestia”, campione d’incassi dal 2009 al 2011; il ruolo di Michael è interpretato da Fabrizio Voghera (“Notre Dame de Paris”, “Giulietta e Romeo”, “Otello-L’ultimo Bacio”); il ruolo di Tom è interpretato dallo stesso Ario Avecone (“Amalfi 839AD”, “Rebellion”, “MR-Musical Romanitco”, “Musicals of the World”); Myriam Somma (Beatrice ne “La Divina Commedia”, “Balliamo sul Mondo”) e Martina Cenere (“Newsies”, “West Side Story”) si alterneranno nel complesso ruolo del Narratore. Completano il cast, Valentina Naselli (“Jesus Christ Superstar”, “Mamma Mia”) nel ruolo di Libertà e alternate per il ruolo di Sarah, e Jacopo Siccardi (“Amalfi 839AD”, “Rebellum”, “Christmas Carol”) nei panni di Destino.

 

Ario Avecone firma l’adattamento teatrale e la regia della versione italiana, coadiuvato dal supporto di Fabrizio Checcacci. L'adattamento teatrale in questa nuova e affascinante lettura, offre una personale interpretazione del testo originale: “La storia presenta 4 personaggi, tutti legati fra loro e di cui tre sono legati al Narratore che, come vertice di una strana figura geometrica, ne muove le fila. Lo spettacolo è una sorta di auto-seduta psicanalitica a cui il Narratore si sottopone, un incontro con se stessa e il suo passato. Un incontro magico tra la poesia pirandelliana dei Sei personaggi in cerca d’autore e il rock degli anni novanta, il tutto condito da una sana spolverata di Freud e Nietzsche”. Tutto lo spettacolo è scandito dai brani musicali di Juliana Nash, tradotti e adattati in italiano da Ario Avecone, Arianna Bergamaschi, Fabrizio Checcacci, Fabio Fantini e Myriam Somma. L’arrangiamento musicale è rivolto alla melodia e rifugge la rigidità ritmica anglosassone, rendendo l’esperienza unica ed entusiasmante.

“Immergeremo il pubblico in una storia noir che è un viaggio negli abissi della mente e del cuore: uno spettacolo che al ritmo di rock anni ’90, indaga e scava alla ricerca di una catarsi finale, di una risoluzione, che forse avverrà o forse no”.

 

mur3.jpg

 

Che cos'è un Murder Ballad?

Il “ballad” è un genere di narrazione popolare che prende origine da un passato in cui antichi cantori medievali tramandavano, oralmente e spesso in musica, storie e racconti per le strade delle città. Questa tipologia di racconto prese piede, nei secoli successivi, soprattutto nelle Isole Britanniche e nelle Americhe, trasformandosi più recentemente in un vero e proprio genere musicale. Dal 1950 ad oggi infatti si è soliti parlare di ballad come di una specifica tipologia di canzone, solitamente pop-rock, che abbia una tematica sentimentale o passionale. Una “Murder Ballad” è un racconto in cui la storia d’amore finisce male, con un crimine, un assassinio, un’esecuzione. E’ un thriller passionale cantato in versi, spesso raccontato in prima persona dalla vittima o dal carnefice.

 

Come nasce un musical

“Murder Ballad” nasce dalle esperienze di vita e dai racconti che erano soliti ascoltare le autrici, Julia Jordan e Juliana Nash, quando in giovane età cercavano di sbarcare il lunario lavorando nei club e nei locali della New York di fine anni ottanta. Da sempre appassionata di thriller, la Jordan ebbe così l’idea di trasmettere quei racconti “metropolitani” di amori nati e finiti, di crimini risolti o meno, in una “murder ballad” lunga quanto uno spettacolo teatrale intero. Contattò così la sua vecchia amica e compagna di avventure Juliana Nash, di cui stimava le doti di autrice rock, chiedendole di affiancarla in questo nuovo progetto. La Nash non aveva mai scritto nulla per il teatro e questo ha reso poi la stesura finale ancor più originale e fuori dagli schemi classici del musical statunitense. “Murder Ballad” è ancora oggi uno degli spettacoli più originali degli ultimi vent’anni di produzione Off-Broadway, messo in scena in tutto il mondo e ultimamente a Londra, presso l’Art Theatre nel WestEnd, con una produzione e un cast artistico eccezionale tra cui Kerry Ellis e Ramin Karimloo.

 

Pagina 1 di 6

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android