Slittano le date dell'edizione 2020 del Firenze Film Corti Festival, che quest'anno si posizionerà dal 27 al 30 ottobre fra Murate Art District, Limonaia di Villa Strozzi e Accademia di Belle Arti di Firenze.

 

La decisione è stata presa dalla direzione del Festival, nelle figure di Francesco Grifoni e Marino Demata, in ottemperanza ai vari DCPM governativi relativi all'emergenza Covid-19.

 

Anche quest'anno la rassegna conferma la sua vocazione internazionale, durante la 4 giorni fiorentina saranno infatti ospitati 35 film provenienti da 17 differenti paesi.

 

Prerogativa del FFCF è il lavoro di preselezione, svolto da un'apposita giuria composta da 50 giovani registi, attori, sceneggiatori, tecnici del cinema e giornalisti - selezionati attraverso una call pubblica. A questi film si vanno ad aggiungere 32 sceneggiature in inglese e in italiano, scelte da alcuni giurati internazionali privilegiando criteri di fattibilità e sostenibilità.

 

Nella selezione dei film, come da suggerimento dalla Presidente di Giuria Emanuela Mascherini, sono state preferite opere pensate per la sala e che quindi non risentono di vizi che possono afferire al linguaggio teatrale o televisivo.
Come indicato dalla Direttrice artistica Teresa Paoli, i film di questa 7a edizione si distinguono prima di tutto per il loro taglio autoriale, innovativo e contemporaneo.

 

Umbrella Dance for Hong Kong di Wong di King-fai _ Film finalista al FFCF.jpg

 

Durante il Festival una giuria finale, composta da Federico Berti (giornalista, scrittore di cinema), Simona De Simone/Nuanda Sheridan (regista), Stefano Mutolo (co-fondatore CNA Cinema e distributore), Marta Savina (regista e sceneggiatrice) assegnerà i seguenti premi: miglior film di fiction, miglior documentario, il miglior film sperimentale, il miglior cartone animato, oltre al premio per la migliore sceneggiatura. Sarà inoltre premiato il miglior Film in assoluto del FFCF che potrà essere selezionato da una qualsiasi delle categorie.

 

Tra le novità di quest'anno la formazione di un comitato scientifico-artistico che dovrà discutere e elaborare i tre principi su cui si baserà la linea culturale del Festival: contemporaneità, internazionalità e innovazione.

 

Fanno parte del gruppo Claudio Rocca (Direttore Accademia di Belle Arti di Firenze), Mimmo Calopresti (regista internazionale), Valentina Gensini (Direttore Murate Art District) e Massimo Becattini (regista documentarista).

Inoltre, in virtù della convenzione stipulata tra Accademia di Belle Arti di Firenze e Rive Gauche (l'associazione che organizza il FFCF), è stato pubblicato un bando per il Premio Cinematografico Spazio Giovani 2020, per opere di giovani aspiranti registi. Le finali avranno luogo all'interno del Festival il 29 ottobre. I premi consisteranno in strumentazione tecnica e corsi a scelta in Scuole di Cinema.

Fondazione Prada presenta dal 25 giugno 2020 sul proprio sito web e sulle piattaforme social il progetto online “Finite Rants” curato da Luigi Alberto Cippini e Niccolò Gravina.

27 febbraio 2020

Politeama Pratese - ore 21

Quinto Concerto Stagione 2019-2020
in coproduzione con Metastasio Jazz

Silvestri Paolo 002 - ph Costanzo.jpg

 

 

74483142_2799178480112759_2098957694445551616_o.jpg

L’Azienda Sanitaria, in via precauzionale ed in linea con le disposizioni Ministeriali e Regionali in tema di contenimento dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019, ha deciso di rinviare l’iniziativa Info day, aperta a tutti i cittadini, in programma per giovedì 27 nella hall del presidio ospedaliero.

 

L’Ordinanza Ministeriale n. 3 del 23 febbraio scorso, raccomanda infatti, di limitare, per quanto possibile gli ingressi/varchi agli ospedali anche allo scopo di ridurre l’accesso privo di sorveglianza ed invita a limitare il numero di accompagnatori/visitatori sia per i pazienti ricoverati che per gli utenti ambulatoriali e di Pronto Soccorso adottando soluzioni organizzative per scaglionare gli accessi alle strutture evitando gli affollamenti.

 

A questo proposito il direttore dell’Ospedale, Daniela Matarrese ricorda che è comunque una buona pratica limitare nelle stanze di degenza la presenza a due visitatori, non creare situazioni di sovraffollamento ma alternarsi nella visita ai congiunti. Altra buona pratica, da seguire sempre quando si accede in ospedale, o prima di accudire un parente è l’utilizzo del gel alcolico nei dispenser presenti all’ingresso delle stanze per il lavaggio delle mani.

Pagina 1 di 17

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android