Jeremy Cheung è uno dei principali protagonisti della scena dance underground, con una solida ed ammirevole conoscenza dei generi musicali.

 

Le sue esibizioni possono andare dall'elettronica all'avanguardia, passando comodamente per la techno; ma è perfettamente in grado di proporre maratone di ballo anche di dieci ore, sfidando la resistenza del pubblico.

 

Molto conosciuto in Asia, dove partecipa volentieri alle manifestazioni in Cina, Mongolia, Thailandia e Corea del Sud, non è insolito vederlo nei club, dove ama offrire il suo lato più eclettico. Tuttavia si sente più a suo agio ad esprimersi nei set registrati, perché non sempre il pubblico è tanto aperto da seguirlo nelle sue incursioni.

 

 

Sempre molto attento al panorama della club culture, è molto attivo nel sostenere le novità del settore: che si tratti di supportare nuovi giovani talenti di Hong Kong, oppure di promuovere nuovi club o nuovi eventi locali, è facile contare sulla sua presenza.

Prada presenta “Rubber Pencil Devil”, un intervento site-specific dell’artista americano Alex Da Corte, con il supporto di Fondazione Prada. Il progetto si svolgerà dal 13 novembre 2020 al 24 gennaio 2021 negli spazi di Prada Rong Zhai a Shanghai, una residenza storica del 1918 restaurata da Prada e riaperta nell’ottobre del 2017.

 

Rubber Pencil Devil” è una nuova versione espositiva del video dallo stesso titolo (2018). Il film, che include 57 capitoli, sarà proiettato su 20 grandi cubi video a retroproiezione installati nei due piani principali di Prada Rong Zhai, conferendo una nuova configurazione spaziale all’opera di Alex Da Corte che ha già ottenuto molta attenzione internazionale.

 

Rubber Pencil Devil è una sequenza in loop dalla durata di due ore e 40 minuti di video altamente stilizzati ispirati a un vasto repertorio di fonti iconografiche e culturali: dall’immaginario televisivo dei decenni passati a film d’animazione del XX secolo, dalle icone queer alla cultura pop. L'opera di Da Corte si presenta come una lenta e ipnotica coreografia eseguita da figure popolari e riconoscibili. Queste sono immerse in un universo sovradimensionato e saturato di oggetti quotidiani, simboli domestici e codici familiari. Uno dei performer di Rubber Pencil Devil è l’artista stesso che si trasforma in pupazzi a forma di frutta e personaggi iconici come la Pantera Rosa, Gatto Silvestro, Mister Rogers e il diavolo.

 

crTZPs2g.jpeg

 

Secondo Da Corte, “Rubber Pencil Devil” è una “Gesamtkunstwerk”, un’opera d’arte totale, un’esperienza immersiva che combina video, musica e architettura, ricca di riferimenti ad artisti visivi d’avanguardia, a scrittori sperimentali, a cantanti pop, a personalità del mondo dello spettacolo e a personaggi dei cartoni animati. Per gli spazi di Prada Rong Zhai Da Corte ha concepito un allestimento frammentario e dai colori vivaci, un viaggio caleidoscopico e onirico in cui il suo desiderio di “oltrepassare l’immagine o sfondare lo schermo e toccare per davvero ciò è rappresentato” può essere soddisfatto.

 

Manipolando e trasformando la cultura dei consumi e la storia dell’arte, Da Corte esplora i temi dell’alienazione e dei desideri individuali con umorismo sovversivo e introspezione psicologica. Le sue fantasie intellettualmente provocatorie, esuberanti e assurde non solo offrono un punto di vista critico nei confronti della realtà contemporanea, ma anche cercano di “ripensare i sistemi normativi del potere” e di generare “nuove idee e nuovi inizi”.

Iniziano a circolare le prime notizie sull'allestimento dell'Hainan Film Festival, in programma dal 5 al 12 dicembre.

 

Il festival seguirà gli analoghi appuntamenti di Shanghai e Pechino, ma nelle intenzioni degli organizzatori dovrebbe differenziarsi prevedendo un numero limitato di ospiti dall'estero.

 

Al fine di assicurare la sicurezza le misure di prevenzione delle epidemie saranno implementate, e i visitatori stranieri dovrebbero arrivare ad Hainan tramite canali speciali.

 

c8a9fb0d-eed1-405a-8dfd-1c8172afc9df.jpg

 

Pur non nascondendo le difficoltà legate alla situazione sanitaria, gli organizzatori intendono rilanciare il festival.

 

Il capo selettore Roger Garcia sta programmando 100 film, contro i 130 del 2019, che dovrebbero essere sufficienti per lanciare per la prima volta una sezione di concorso. Ci saranno tre categorie, lungometraggi, documentari e cortometraggi, ciascuna con i consueti premi (miglior film, miglior contributo artistico, miglior attore ed attrice, miglior regista).

 

Gli organizzatori si aspettano un pubblico prevalentemente locale o comunque proveniente da altre zone della Cina, che sarà ospitato nei multiplex commerciali cinesi: al momento le restrizioni post-COVID consentono una vendita dei biglietti pari al 50% della capienza, ma Garcia punta ad un 75% al momento dell'apertura del festival.

 

La selezione dei titoli comprenderà film popolari e d'autore, che coprano la filmografia giapponese, cinese, del sud'est asiatico ed occidentale; il riscontro dei distributori europei è stato buono, soprattutto da parte di quelli che hanno partecipato all'edizione precedente.

 

8479fcd7f392023bfcef37b7.jpg

 

La decisione di aprire agli ospiti stranieri e la selezione internazionale dei film confermano la vocazione cosmopolita del Festival di Hainan e del territorio in generale.

 

Hainan rappresenta un'eccezione all'interno della Repubblica Popolare cinese, ed il governo di Pechino punta a fare di Hainan un'isola di libero scambio entro il 2020 e un porto di libero scambio entro il 2025, incentivando il trasferimento di società cinesi e straniere sul territorio.

Si prepara un autunno ricco di iniziative a Shanghai. Un funzionario del governo ha infatti annunciato che nei mesi da settembre a dicembre in città saranno organizzati quattro nuovi importanti festival dello shopping per stimolare il consumo di beni di fascia alta come le automobili, gli elettrodomestici, l'oro e i gioielli.

 

La decisione è stata presa sulla scia del grande successo riscosso dal Double Five Shopping Festival. La manifestazione è stata organizzata per rispondere alla crisi dei consumi innescata dalla pandemia, e nel periodo da maggio a luglio ha incassato oltre 71,3 miliardi di dollari tra online e saldi nei negozi.

 

7598682266140672.jpg

 

Nella speranza di di replicare il successo, il governo punta ad un format diverso, che prevede quattro festival distinti: il primo sarà il Golden Autumn Shopping and Tourism Festival, da settembre a ottobre, per il quale sarà rilasciata una particolare app.

 

Con questa mossa Shanghai conferma la sua intenzione di svilupparsi come un centro di ritrovo per i beni di consumo di fascia alta, supportando marchi storici e nuovi e promuovendo la trasformazione digitale del settore della vendita al dettaglio.

Pagina 1 di 83

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android