in News

Non solo TikTok: l'offensiva di Trump si estende ad altre app cinesi

Di Pubblicato Settembre 02, 2020

Dopo TikTok l'amministrazione di Trump si prepara a prendere provvedimenti contro altre app cinesi. L'intenzione, annunciata da Trump in agosto, è stata ribadita in una recente intervista dal consigliere della Casa Bianca sui temi commerciali Peter Navarro, che ha ripetuto come sia fondamentale che gli Stati Uniti non usino app cinesi che trasferiscono su server collocati in Cina dati che possono successivamente essere usati per sorvegliare, monitorare e tracciare gli utenti.

 

Come è noto, questa è la linea politica alla base delle azioni contro TikTok; l'intervista fa trapelare l'intenzione di estendere queste azioni anche ad altre piattaforme, dal momento che la Cina, afferma Navarro, sta andando in giro per il mondo cercando di acquisire tecnologia ed influenza.

 

Peter-Navarro-Tik-TOk.jpg

 

Queste dichiarazioni fanno pensare che potrebbe aumentare la tensione nei rapporti commerciali tra i due paesi, già piuttosto complicati dopo le reciproche azioni dell'ultimo mese.

 

Ad agosto Trump aveva vietato transazioni non specificate con il proprietario di TikTok ByteDance e la società madre di WeChat Tencent Holdings; successivamente aveva stabilito di vendere le operazioni statunitensi di TikTok entro 90 giorni, pena il rischio di essere bloccate completamente.

 

Internet-Cina.jpg

 

A seguito di ciò erano iniziate trattative tra ByteDance e le aziende statunitensi Microsoft, Walmart ed Oracle. Queste operazioni potrebbero essere ostacolate dal governo cinese: Pechino ha infatti risposto alla politica di Trump con nuove restrizioni sulle esportazioni di tecnologia, che potrebbero dare al governo cinese voce in capitolo in merito a qualsiasi vendita all'estero di TikTok.

 

Nell'intervista Navarro ha dichiarato che l'amministrazione intende costruire un Grande Firewall tra USA e Cina per impedire il trasferimento di dati, usando un'espressione non casuale: Grande Firewall è infatti il nome usato comunemente per riferirsi al sofisticato sistema di censura di Pechino, che esclude la maggior parte della popolazione cinese dall'accesso ad alcuni dei siti più famosi al mondo, come Facebook e Twitter.

 

Letto 7095 volte Ultima modifica il Giovedì, 03 Settembre 2020 08:41

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android