in News

Due architetti salvano le insegne dei negozi di Hong Kong dall'abbandono

Di Pubblicato Luglio 31, 2020

Negli ultimi anni le insegne dei negozi di Hong Kong stanno rapidamente scomparendo, vuoi per la chiusura dei negozi, vuoi perché i cartelli non sono in regola con le norme di controllo degli edifici attuate nel 2010.

 

Di questo si sono resi conto due architetti, Ken Fung Tat-wai e Kevin Mak King-huai, che del salvare i cartelli privi di proprietari hanno fatto una missione.

 

Tutto è cominciato all'incirca sei anni fa, quando i due hanno notato per terra l'insegna cinese di un banco dei pegni ed hanno pensato che quel cartello avesse un valore culturale che non poteva essere gettato via: hanno perciò chiesto agli operai di prenderla con sé.

 

hkneonsi 1.jpg

 

Da quel momento hanno cominciato a prestare attenzione alle insegne sulle strade di Hong Kong tanto da arrivare a fondare nel 2017 una società che si occupa di recuperare i cartelli, fornendo eventualmente assistenza alle aziende che vogliano conservare le proprie firme uniche modificandole o aggiornandole.

 

Se molte insegne vengono dismesse per chiusura dell'attività (ed allora i due recuperano il cartello e lo aggiungono alla loro collezione), esistono anche negozi che hanno la necessità di cambiare l'insegna dietro richiesta delle autorità cittadine: in questi casi gli architetti si prendono carico della cosa, solitamente suggerendo di salvare i tubial neon ed i caratteri cinesi e di montarli sulla nuova insegna.

 

hkneonsi 2.jpg

 

Il valore e la bellezza delle insegne stanno infatti nell'arte calligrafica dei caratteri cinesi.

 

Storicamente quando il proprietario di un negozio aveva bisogno di un'insegna, assumeva un calligrafo per scrivere il nome dell'azienda con pennello ed inchiostro, che veniva poi portato da un fabbricante di insegne per trasporre la calligrafia in neon e su plexiglas.

 

 

Ancora oggi, che la scritta potrebbe essere fatta al computer, la scelta di scriverla manualmente è preferibile. I caratteri cinesi sono composti di parti diversi, ma quando scrivono per i cartelli i calligrafi uniranno i tratti in modo che ogni carattere possa essere realizzato in un unico pezzo per facilitare così l'installazione, un'accortezza impossibile da ottenere da un computer.

 

La minaccia che grava sulle insegne è però un'altra.

 

hkneonsi 3.jpg

 

Nei tempi passati esse servivano per localizzare il negozio, funzione che adesso è stata resa obsoleta da applicazioni come Google Maps; e tuttavia Ken Fung Tat-wai e Kevin Mak King-huai sono ottimisti che una nuova generazione di imprenditori comprenda come i cartelli hanno un fascino che è slegato dalla funzione, e decida di affidarsi a calligrafi per segnalare la propria attività e far rivivere il look retrò della scrittura cinese.

Letto 1892 volte

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android