in News

“Bad Kids” è la prima serie cinese che si avvicina agli standard di Netflix.

Di Pubblicato Luglio 23, 2020

La serie “Bad Kids” ha riscosso un notevole successo in Cina ricevendo ampi elogi per la trama, la cinematografia, il cast, i dialoghi, il ritmo e la colonna sonora. Ha inoltre generato un'ampia discussione online sulla natura umana a causa della psicologia e delle complesse motivazioni dei suoi personaggi.

 

Ispirato all'omonimo romanzo, “Bad Kids” si apre con una sequenza che è stata definita come “forse il momento più spaventoso di un drama cinese”: approfittando di una pausa durante una escursione, il supplente di matematica Zhang Dongsheng uccide gli anziani suoceri gettandoli da una scogliera.

 

bk 1.jpg

 

La scena viene osservata da tre allievi dell'insegnante, le cui vite si intrecciano sempre di più durante lo svolgimento della serie: mentre si verificano altri omicidi, uno dei bambini coinvolti, Zhu Chaoyang, un mago della matematica con una famiglia distrutta alle spalle, inizia gradualmente a comprendere le motivazioni dell'insegnante e persino ad emularlo.

 

La serie ha ricevuto l'apprezzamento della star de “La Tigre ed il Dragone” Zhang Ziyi che ha dichiarato che “Bad Kids” è uno dei primi drama cinesi che può competere con le produzioni americane e britanniche in termini di qualità, e buone recensioni sul sito Douban.

 

Bad Kids” presenta caratteristiche che lo avvicinano alle produzioni estere, come ad esempio il ridotto numero di episodi, 12, molti meno rispetto ai tradizionali 50 o 60 delle serie cinesi; inoltre è stato elogiato il cast, che è eterogeneo e comprende volti noti e sconosciuti e soprattutto non presenta celebrità, solitamente ingaggiate per attrarre i fan a dispetto della loro recitazione poco brillante.

 

bk 2.jpg

 

“Bad Kids” ha infine suscitato un notevole dibattito sul tema dell'importanza dell'educazione di un bambino per lo sviluppo del suo carattere e della sua bussola morale.

Andando contro alla convinzione prevalente in Cina che i bambini siano innocenti, il personaggio di Chaoyang ritrae un bambino capace di essere malvagio e di provare emozioni e pensieri “adulti”, e su cui pesa il contesto familiare.

Chaoyang subisce sì l'influenza dell'insegnante, ma le sue scelte sono condizionate anche dalle situazioni che vive, dalla solitudine, dagli scontri con i bulli e dalla pressione della madre single affinché eccella a scuola.

 

Un elemento nuovo per una serie cinese, che fa di “Bad Kids” un buon esempio di come sia possibile per gli sceneggiatori affrontare temi complessi e fare serie di buon livello anche all'interno del rigoroso contesto normativo della Cina.

Letto 13499 volte

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android