in News

La progressiva ripresa del manifatturiero cinese

Di Pubblicato Marzo 16, 2020

La diffusione del coronavirus e le misure di isolamento messe in atto per contenerne la diffusione hanno avuto un impatto sulla produzione per la moda, portando a soluzioni che probabilmente diventeranno permanenti.

 

È questa l'opinione di Vincent Djen, produttore cinese di abbigliamento con sede a Shanghai.

 

Djen lavora con marchi europei quali Gant e Bruuns Bazaar, e nell'ultimo mese ha avuto numerosi contatti telefonici con i clienti europei per informarli dei ritardi della produzione, in particolare per quanto riguarda l'approvvigionamento di tessuti da parte dei fornitori. Molte delle fabbriche infatti lavorano sotto organico: in molte il personale rientrato a lavoro è del 50-80 %, ma nelle zone di di Shenzhen e Guangzhou la percentuale si attesta al 30%, perché gran parte del personale proviene da Wuhan.

 

Sulla base di questi ritardi i marchi danno ormai per perduta la produzione della collezione primaverile e si stanno concentrando su quella autunnale, per la quale prevedono una forte domanda.

 

e93b9808-56e3-11ea-b438-8452af50d521_image_hires_171714.jpg

 

L'epidemia di coronavirus ha inoltre trasformato il modo in cui sono gestiti gli affari.

 

Le misure di contenimento del virus hanno portato all'annullamento dei previsti viaggi d'affari: molti clienti europei hanno rimandato le visite negli stabilimenti cinesi, ed anche gli imprenditori cinesi hanno annullato i propri incontri d'affari sostituendoli con videochiamate. Secondo Djen l'uso delle videochiamate si manterrà anche dopo l'emergenza, soprattutto negli incontri tra i partner locali, con i quali le riunioni sono più frequenti che con i clienti esteri.

 

Infine per quanto riguarda la situazione generale, Djen dice che nel mondo della moda e dell'abbigliamento cinese si registra un cauto ottimismo.

 

A Wuhan la situazione è migliorata, passando dai circa mille nuovi casi al giorno alle poche unità, sebbene i mercati all'ingrosso continuino ad essere completamente chiusi.

 

recovery-china-virus.jpg

 

Ad Hangzhou alcuni rivenditori sono aperti ma il traffico pedonale è basso ed in alcuni luoghi nei negozi è consentito l'impiego di una sola persona e l'ingresso di un cliente per volta. Anche a Shanghai la circolazione ha subito una flessione: i passeggeri della metropolitana, che sono in genere circa 10 milioni, adesso sono 4 milioni.

 

Sono tuttavia segnali positivi di ripresa e si può affermare che, mentre il resto del mondo sta affrontando gli effetti dell'epidemia, la Cina stia lentamente tornando alla normalità.

Letto 1609 volte

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android