in News

Un progetto europeo per promuovere il Centro Pecci

Di Pubblicato Aprile 04, 2019

L’Unione Europea e la Regione Toscana uniscono le forze mettendo in campo un’iniziativa per riscoprire e valorizzare progetti locali riconosciuti e apprezzati dai cittadini, finanziati con i fondi europei.

 

Si è tenuta al Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato la conferenza stampa per il lancio della campagna "L'Europa nella mia Regione", progetto co-finanziato dall'Unione Europea insieme al sostegno di Regione Toscana e Comune di Prato.

Il progetto consiste in una campagna mediatica di promozione del Museo Pecci tramite affissioni di manifesti in tutto il territorio della Toscana, oltre che nell’uso di sistemi interattivi come il totem che è stato posto nel piazzale del Centro, che servirà a scattarsi un selfie e condividere, anche sui social media, la propria esperienza in uno dei musei d’arte contemporanea più all’avanguardia d’Italia ed Europa, infine è stato lanciato un sistema di geolocalizzazione che attiva notifiche sui social network non appena ci si avvicina nel raggio di 30 chilometri, che permetterà ai turisti di conoscere il Centro e le sue attività culturali.

Alla conferenza stampa di presentazione del progetto "L'Europa nella mia Regione" hanno partecipato: Irene Sanesi, presidente della Fondazione per le Arti Contemporanee in Toscana, il sindaco di Prato Matteo Biffoni, la direttrice del Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci Cristiana Perrella, Stefano Ciuoffo, assessore alle attività produttive e al turismo della Regione Toscana e Matteo Salvai, responsabile comunicazione della DG Regio (direzione generale della Politica regionale e urbana).

IMG_20190401_122635 1.jpg

 

Irene Sanesi ha incentrato il suo intervento sul concetto di “prossimità”. La presidente ha citato lo slogan “L’arte dove meno te l’aspetti: vicino a te”, affermando che questo progetto dimostra non solo la vicinanza dell’arte e della cultura, ma anche quella dell’Europa. Sanesi ha dichiarato positivo il bilancio per il 2018 del Centro, con le visite che hanno superato la cifra di 50 mila, confermando anche una fedeltà dei partecipanti alle attività culturali. Il concetto di “prossimità” è anche al centro del programma direttivo di Cristiana Perrella, che negli ultimi anni ha voluto fondare la campagna comunicativa del museo proprio su questo tema.

All’intervento di Irene Sanesi è seguito quello del sindaco di Prato, Matteo Biffoni, che ha aperto indicando che, anche in questo caso, la città di Prato anticipa ciò che avverrà nel resto del territorio nazionale, così come è già avvenuto in ambito sociale, economico e politico. Il sindaco ha poi ringraziato lo staff del centro e le autorità presenti per il lavoro corale svolto per la promozione delle attività del museo Pecci.

Cristiana Perrella, direttrice del Centro Pecci, ha evidenziato l’importanza per il museo di ripartire dal territorio per poi essere pienamente internazionali. La direttrice spera che questo progetto aiuti a mettere ancora di più sotto i riflettori la realtà del museo Pecci, nato nel 1988 proprio con una mostra dedicata all’Europa. L’aspetto comunicativo del Centro è da rafforzare, nonostante l’attività coinvolga già tutti i nuovi strumenti di comunicazione per raccontare “chi siamo e che servizio possiamo offrire”, conclude Perrella.

 

IMG_20190401_122950 1.jpg

L’assessore alle attività produttive e al turismo della Regione Toscana Stefano Ciuoffo ha voluto ricordare e ringraziare Elena Pecci, fondatrice del Centro, quindi ha fatto notare come la città di Prato riesca a distinguersi e a rappresentarsi attraverso il Museo Pecci e quanto sia importante promuovere il nome di questa istituzione culturale. L’assessore ha quindi ricordato gli investimenti fatti in trent’anni dalla Regione Toscana nel Centro Pecci, che consistono in un totale di 34 milioni di euro, 12 dei quali provenienti dai fondi europei, per ribadire la grandezza dell’impegno istituzionale per supportare questa struttura. L’assessore Ciuoffo ha poi dichiarato che questa campagna fa parte di un più ampio messaggio del presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, atto a sensibilizzare i cittadini all’appartenenza all’Unione Europea, alla condivisione, alla cooperazione e alle pari opportunità date a tutti i territori.

Secondo Matteo Salvai, responsabile comunicazione della DG Regio (direzione generale della Politica regionale e urbana della Commissione Europea), il progetto unisce un aspetto locale e un aspetto europeo. Locale, perché esso parte da un luogo simbolico e importante per la città, ma allo stesso tempo inserito in un contesto più ampio, che prevede una serie di 40 campagne in 5 paesi diversi (Italia, Francia, Svezia, Austria e Grecia): in Italia sono state selezionate 7 regioni e questa è la prima campagna a livello nazionale. Più tardi partiranno iniziative in Campania, Lombardia, Piemonte, Puglia, Abruzzo e Sicilia. Lo scopo di questo progetto? Comunicare l’Europa valorizzando progetti locali riconosciuti e apprezzati dai cittadini, finanziandoli con i fondi europei. Avvicinare l’Europa ai cittadini rendendo omaggio alla regione e ai suoi abitanti, solleticando l’orgoglio regionale puntando su progetti e iniziative uniche e simboliche. Perché raccontare l’Europa da Bruxelles è impossibile, bisogna farlo dai luoghi a cui sono destinati i fondi.

IMG_20190401_130000 1.jpg

Il progetto dedicato al Centro è stato parzialmente finanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) che in Toscana investe in migliaia di interventi con un budget di 790 milioni per il periodo 2014-2020. A livello europeo il FESR dispone di un budget di oltre 200 miliardi. In tutto, la politica di coesione dell'Unione Europea ha investito più di 350 miliardi nei territori per il periodo 2014-2020, rendendo così possibile finanziare progetti regionali con impatto sulla vita di milioni di europei.

Al costo totale dell’investimento per la riqualificazione del Centro Pecci di Prato, completata ad ottobre 2016, hanno partecipato la Regione Toscana con € 2.404.488,34 (di cui il 50% di fondi europei FESR 2014-2020), e il Comune di Prato con un cofinanziamento di € 1.030.495,00.

Letto 1764 volte Ultima modifica il Venerdì, 05 Aprile 2019 12:04

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android