ORCHESTRA RAI: UN VIAGGIO NELLA NATURA CON TAN DUN, SIMONE RUBINO E JAN VOGLER

Di Pubblicato Gennaio 24, 2019

Secondo concerto, in serata unica, della rassegna Rai NuovaMusica

Giovedì 24 gennaio alle 20.30 all’Auditorium di Torino e in diretta su Radio3

Protagonista Tan Dun nella doppia veste di compositore e direttore d'orchestra

È il Premio Oscar e Leone d’oro alla carriera Tan Dun, impegnato nella doppia veste di compositore e direttore, il protagonista del secondo appuntamento di Rai NuovaMusica, la rassegna dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai dedicata alla musica contemporanea fra Novecento e nuovo millennio, in programma giovedì 24 gennaio alle 20.30 all’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino con diretta su Radio3 Rai. Fra i pochi compositori del panorama attuale a diventare fenomeno di massa con 15 milioni di visualizzazioni su YouTube per la sua Internet Symphony, Tan Dun è noto al grande pubblico anche per aver vinto un Oscar nel 2001 e un Grammy nel 2002 con la colonna sonora del film La tigre e il dragone di Ang Lee e per aver scritto le musiche delle cerimonie ufficiali delle Olimpiadi di Pechino nel 2008. Autore di opere, pagine sinfoniche e brani cameristici che attraversano le frontiere tra musica classica, pop, multimedia e che creano una sintesi originale fra tradizione cinese e avanguardia occidentale, ha realizzato il suo ideale di “musica organica” inserendo in orchestra elementi naturali come acqua, pietre, carta, e impiegandoli come strumenti.

Jan Vogler_@Jim Rakete.jpg

Per il suo ritorno con l’Orchestra Rai dopo il concerto alla Biennale Musica nel 2017, Tan Dun dirige due lavori di sua composizione ispirati alle forze della natura e alla memoria della Cina arcaica. Apre il Concerto per percussioni e orchestra The Tears of Nature (2012), diviso in tre movimenti, ognuno dei quali rappresenta un colore della natura – tuono, passione, energia – ma anche il ricordo di eventi catastrofici – il terremoto del Sichuan nel 2008, lo tsunami in Giappone, l’uragano Sandy – che simboleggiano l’eterna lotta fra l’uomo e la natura. A interpretarlo è chiamato il giovane percussionista Simone Rubino, già solista nel concerto con Tan Dun e l’Orchestra Rai nel 2017 e protagonista il prossimo 1° marzo del Concerto di Carnevale con lo Janoska Ensemble. Vincitore del concorso ARD di Monaco di Baviera nel 2014, del Premio Abbiati nel 2018 e di altri riconoscimenti importanti, Rubino è artista prodigioso per capacità tecnica e versatilità musicale e già ospite regolare di orchestre prestigiose come i Wiener Philharmoniker, i Münchner Philharmoniker e la Deutsches Symphonie-Orchester di Berlino.

Resia_simone-rubino-.jpg

Segue The Map (2002), concerto per orchestra, violoncello e video nato dall’incontro, durante un viaggio di Tan Dun nella provincia cinese dell’Hunan per raccogliere materiale sulla musica della sua infanzia, con uno sciamano esperto di antichi rituali e abile suonatore di pietre. La partitura vede impegnato per la prima volta con l’Orchestra Rai il violoncellista Jan Vogler, considerato fra i più solidi interpreti dello strumento a livello mondiale, vincitore di tre Echo Klassik e direttore dei Festival di Musica di Dresda e di Moritzburg. Opera fatta di suoni e immagini in cui il compositore rielabora i canti delle etnie cinesi Tuja, Miao e Dong, The Map fonde la musica dal vivo con alcune proiezioni, proposte su tre diversi schermi sospesi sull'orchestra, che documentano il folclore di una Cina rurale in via di estinzione.

I biglietti sono proposti al prezzo unico di 5 euro per tutti e 3 euro per gli under 35. Informazioni: 011.8104653 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – www.osn.rai.it

Letto 3107 volte

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android