in News

Shanghai celebra il centenario della Bauhaus

Di Pubblicato Dicembre 20, 2018

La Bauhaus sta per compiere cento anni.

L'iconica scuola d'arte tedesca aprì le sue porte nel 1919, a Weimar , e venne chiusa solo quattordici anni dopo, quando i nazisti salirono al potere. Nel corso della sua breve vita, essa divenne sinonimo di design moderno, dando un taglio drastico ai fronzoli ornamentali nell’arredamento e nella costruzione di facciate, e la sua estetica minimalista segnò la strada per l'architettura di tutto il mondo. A metà del secolo la sua impronta poteva essere osservata ovunque, dal Giappone a Israele alla Jugoslavia, anche se la maggior parte delle costruzioni ispirate dalla Bauhaus si possono incontrare negli Stati Uniti.

bauhaus 1.jpg

Oggi, sebbene sia trascorso un secolo, la Bauhaus può ancora avere qualcosa da insegnarci. Questo è il pensiero alla base di una recente serie di workshop tenutasi a Shanghai in occasione del 100° anniversario della scuola.
Sponsorizzati dal Dipartimento di Cultura e Istruzione del Consolato Generale tedesco a Shanghai, i workshop sono stati organizzati da Shen Qilan, curatrice, educatrice e scrittrice cinese che mantiene stretti legami con la Germania, dove ha completato il dottorato in filosofia. "La Bauhaus è una tradizione intellettuale eccezionale, ma qui non se ne parla spesso", afferma Shen, che ha organizzato gli eventi con due obiettivi: "In primo luogo, per introdurre le persone all'esistenza e al valore della tradizione Bauhaus. E in secondo luogo, chiedersi cosa ha a che fare questa tradizione con il nostro momento attuale nel 2018 o nel 2019. Spesso vediamo le cose del 1919 come dei documenti, come qualcosa del passato. Eppure la Bauhaus, lo credo fermamente, è rilevante per il presente."

bauhaus 3.jpg

I workshop sono iniziati in primavera, con una serie di quattro sessioni dal titolo Bauhaus Class 1.0. "Shen Qilan ha invitato numerosi eminenti studiosi della scena culturale cinese", dice Oliver Hartmann, capo del Dipartimento di cultura e istruzione. "La prima lezione è stata un vero successo: c'erano 100, 120 persone sedute lì a disegnare, lavorare con i tessuti, imparare dagli esperti cinesi della Bauhaus." Questo successo li ha portati ad organizzare la Bauhaus Class 2.0, una serie più lunga (sei classi) in autunno. "Il primo corso si è concentrato sul passato della Bauhaus e il secondo si è concentrato maggiormente sulla sua eredità", spiega. "Anche il secondo corso aveva una dimensione pratica, perché facevamo passeggiate in città: gli studenti uscivano per sperimentare e confrontare edifici, e hanno anche fatto visita ai nostri esperti nei loro studi. "Entrambi i corsi si sono riempiti di persone di diversa provenienza che condividevano l’interesse per il design. Gli studenti che hanno partecipato a tutte e quattro le classi in primavera, o tutti e sei in autunno, e hanno completato con successo i compiti, hanno ricevuto un certificato.

bauhaus 2.jpg

Eppure, che cosa ha a che fare la Bauhaus con Shanghai, una città che è conosciuta più per i suoi tesori art déco e per i suoi grattacieli postmoderni? Come spiega Shen, la Bauhaus ha avuto un'influenza importante, anche se indiretta, in Cina. "L'impatto più profondo che ha avuto è stato sul pensiero architettonico. Ovviamente non c'è stata alcuna influenza diretta, perché nessuno studente cinese ha studiato alla Bauhaus, ma il suo pensiero è stato tramandato ", dice.

bauhaus 4.jpg

A cento anni dalla nascita della Bauhaus, artisti e architetti affrontano un contesto diverso e un diverso insieme di sfide. Per prima cosa, le città oggi sono molto più grandi di quanto non fossero nel 1919, come riconosce prontamente Shen. "Oggi in Asia, le città con decine di milioni di abitanti sono la norma. Come si progettano alloggi, uffici e strade in città con decine di milioni di persone? Gli spazi in cui viviamo sono completamente diversi.
"Tuttavia, ciò non significa che la Bauhaus non sia più rilevante. " Non possiamo usare i prodotti progettati dal Bauhaus per soddisfare i nostri attuali bisogni", spiega Shen, "ma il pensiero della scuola, la sua convinzione nel rispondere ai bisogni dei tempi, è qualcosa che possiamo usare oggi".

bauhaus 5.jpg

Shanghai è in anticipo nelle celebrazioni del centenario della Bauhaus. Nel 2019 si svolgeranno eventi in tutto il mondo per commemorare la scuola, in particolare una serie di mostre chiamate Bauhaus Imaginista. Shen è entusiasta che così tante persone si interessino a questa tradizione, la cui vita è stata breve ma impattante. "Tutti possono sperimentare il potere dell'arte di cambiare la propria vita", osserva. "Fa parte della Bauhaus."

Letto 1538 volte Ultima modifica il Giovedì, 20 Dicembre 2018 10:07

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android