in News

CONFUCIO IN FIERA

Di Pubblicato Novembre 30, 2018

Dopo il successo dello scorso anno, l’Istituto Confucio rinnova la partecipazione all’Artigiano in Fiera

Dall’1 al 9 dicembre torna lo stand dell’Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano all’Artigiano in Fiera, la manifestazione considerata la festa delle tradizioni e delle culture del mondo che, come ogni anno, porta a Milano tradizioni e prodotti di oltre cento Paesi.

Il festival, a ingresso gratuito, è giunto alla sua ventitreesima edizione e l’Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano partecipa con entusiasmo per il secondo anno di fila, con un palinsesto ricchissimo di iniziative, pensate per adulti e bambini, per avvicinarsi alla cultura cinese.

L’Istituto Confucio vi accompagnerà in un vero e proprio viaggio nella cultura cinese attraverso lezioni di lingua, laboratori di calligrafia, carta ritagliata, maschere cinesi, lezioni prova di taijishan, taijiquan, qigong, bajiquan e racconti di leggende cinesi.

Oltre alle attività in programma ci saranno, a sorpresa, delle performance di danza tradizionale cinese. E ancora, esperti della scuola Cheng Ming Europe - Movimento e Percezione e dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Sei Armonie ci guideranno alla scoperta del qigong, del taijiquan e del bajiquan.

E se questo non vi basta, allo stand ci saranno gadget per tutti i gusti e saremo a disposizione ogni giorno dalle 10:00 alle 19:00, per rispondere alle vostre curiosità su questo affascinante Paese.

Le attività dell’Istituto Confucio si terranno all’interno del Padiglione 14 - Stand numero L144, da sabato 1 a domenica 9 dicembre, dalle 10:00 alle 19:00 (Fiera Milano-Rho, MM1 Rho Fiera).

Ingresso libero.

A breve sarà disponibile il programma sul sito: www.istitutoconfucio.unimi.it

confuciofiera 1.jpg 

LE ATTIVITÀ IN PROGRAMMA

TAIJIQUAN

Il taijiquan è uno stile di combattimento che nell’allenamento privilegia la lentezza, la continuità, la forza soffice, nascondendo tra le sue pieghe la forza elastica, esplosiva e i movimenti a spirale. Nasce come efficace arte marziale e, in esso, si applicano i principi taoisti dello yin e dello yang. Nel mondo è conosciuto per le sue caratteristiche di morbidezza, che lo rendono una vera e propria “meditazione in movimento” e la sua pratica è adatta a tutte le età. Esperti della disciplina vi insegneranno alcuni movimenti che gioveranno al vostro corpo e alla vostra mente.

QIGONG

Il qigong indica una serie di esercizi e di tecniche cinesi destinati alla salute e al benessere personale, oltre che al rinforzo e all’equilibrio interiore. È la matrice delle arti marziali interne, oltre che disciplina della medicina tradizionale cinese e si basa sul concetto di equilibrio dinamico: maggiori sono la fluidità, la rapidità, la sincronia e la cooperazione del movimento del qi (soffio, energia), maggiori saranno l’equilibrio, la forza, la resistenza e la capacità di adattamento all’ambiente. Non solo una dimostrazione, ma una vera e propria lezione a cui potete partecipare per apprendere alcune tecniche di base.

BAJIQUAN

La pratica del bajiquan non richiede doti atletiche particolari e proprio questa sua peculiarità la rende ancora oggi un eccellente mezzo di difesa personale. Lo stile, attraverso l'allenamento della statica e della dinamica del corpo, garantisce un rinforzo generale della struttura fisica; lo studio della componente energetica propria della cultura cinese accresce altresì l'emissione della propria forza intrinseca e l'accrescimento del proprio Qi.
Esperti di questa disciplina vi insegneranno alcune mosse base e vi faranno restare a bocca aperta con le loro dimostrazioni.

CALLIGRAFIA

La scrittura cinese è un’arte che vanta oltre 4000 anni di storia. Per apprendere i segreti dei migliori calligrafi sono necessari decenni di studio e di applicazione. Per scoprire tutto il fascino di una disciplina, invece, bastano pochi tratti e i “quattro tesori”: l’inchiostro, la pietra per l’inchiostro, la carta e il pennello. Quale occasione migliore del nostro laboratorio? Imparerete a destreggiarvi con i tesori di questa arte antica.

CARTA RITAGLIATA

La carta ritagliata è un’arte antica risalente a oltre mille anni fa. Ancora oggi in Cina, secondo la tradizione popolare, alla vigilia della Festa di Primavera, le donne ritagliano fogli di carta rossa in varie forme per decorare gli stipiti delle finestre e delle porte: questa usanza ha lo scopo sia di rallegrare la casa sia di tenere lontano il mostro Nian che, secondo la leggenda, era spaventato dal colore rosso. Le carte ritagliate si distinguono per la varietà dei temi e la ricchezza dei contenuti e delle forme. Armati di carta e forbici, sperimenterete una delle arti più antiche e diffuse nel Paese di Mezzo.

LEZIONE PROVA DI CINESE

Grazie a una lezione prova di lingua cinese, vi avvicinerete a questa affascinante lingua e, guidati da docenti esperti dell’Istituto Confucio, imparerete a salutare, a contare e avrete modo di conoscere alcuni vocaboli di uso comune.

TAIJISHAN

Il taijishan è il taijiquan con il ventaglio. Il ventaglio, considerato un’arma “non tradizionale” delle arti marziali, è uno strumento utile per acquisire equilibrio, grazia, coraggio, determinazione ed eleganza nei gesti. La sua utilità per l’attacco e la difesa è molto decantata nella storia della Cina e del Giappone, dove veniva utilizzato anche in guerra. Si tratta di un’arma per la funzione che ha assunto: chiuso è simile a un coltello o a un bastone corto, mentre aperto diviene uno scudo. Prendete parte a una lezione e rimarrete affascinati dal suono e dall’eleganza dei ventagli.

LA STORIA DELL’OROSCOPO CINESE

I 12 segni dello Zodiaco cinese sono diversi dai nostri. Ci sono il topo, il bufalo, la tigre, il coniglio, il drago, il serpente, il cavallo, la pecora, la scimmia, il gallo, il cane e infine il maiale. Vi siete mai domandati perché sono proprio in quest’ordine? Tra le innumerevoli leggende della tradizione popolare cinese, vi è anche quella che racconta della gara che gli animali fecero per aggiudicarsi un posto nello Zodiaco. Partecipate con i vostri bimbi, conosceranno questa interessante leggenda e riceveranno un disegno del proprio segno zodiacale da colorare.

MASCHERE CINESI

Le maschere cinesi vengono usate dagli attori sul palcoscenico dell’Opera cinese. Non si tratta di maschere da indossare, ma bensì di un trucco realizzato con colori che vengono applicati direttamente sul viso degli attori. Nella lingua cinese si chiamano lianpu, letteralmente tradotto con “modelli di viso”. I colori e i modelli del trucco sono molto stereotipati e cambiano a seconda delle caratteristiche dei personaggi delle storie. Perché si usano determinati colori? Scoprilo con noi e colora la tua maschera.

Letto 472 volte Ultima modifica il Mercoledì, 28 Novembre 2018 11:43

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android