in News

"What if", le fantasie di Xiaomin Lao'er

Di Pubblicato Ottobre 22, 2018

Se fosse possibile rendere realtà tutti i “che succederebbe, se…” della vita, cosa chiederemmo?

 

Questa è la domanda che ci viene posta dall'illustratore cinese Zhai Yanjun, meglio conosciuto con il suo pseudonimo, Xiaomin Lao'er. Nella sua serie di fumetti “What If”, sui quali Zhai lavora fino a tarda notte, il protagonista è un uomo calvo e barbuto con occhiali dalla montatura spessa e uno sguardo ansioso che esplora ogni situazione immaginabile, in risposta alle lacune della vita reale.

 what-if 1.jpg

(Che succederebbe, se l'arcobaleno spuntasse dal terreno?)

Da bambino, Zhai spesso accompagnava i suoi genitori a lavoro; lì, per passare il tempo, disegnava per ore. Ancora non sapeva che l'arte sarebbe diventata una vocazione.

Oggi, gran parte del del suo tempo, Zhai lo trascorre a disegnare, leggere e fare tranquille passeggiate. Nel suo tempo libero, ama socializzare e mescolarsi con gli altri, il suo atteggiamento è più quello di un osservatore che di un partecipante.

"Per immaginare le scene quotidiane, ho bisogno solo di un'idea, di un'impressione, per far reagire naturalmente la mia mente. La mia immaginazione fa il resto, trasformando quello che vedo in un disegno da proporre nei miei lavori."

what-if 2.jpg

(Che farei se potessi respirare sott'acqua?)

Zhai ha trascorso gran parte della sua vita a Kunming, la Città dell'Eterna Primavera. Qui, i ritmi non sono frenetici come nelle metropoli, le persone sanno divertirsi e sembrano avere sempre tempo e denaro da spendere.

"È un buon posto in cui andare in pensione", ride. Nonostante abbia circa trent'anni, questo ritmo lento lo fa sentire più come se appartenesse alla generazione dei suoi genitori. Forse l’origine del stile gentile sta nel fatto che non ha troppe illusioni e accetta il mondo così com'è.

 what-if 3.jpg

(Che farei se fossi invisibile?)

"I fumetti “What If” sono come una serie di ipotesi che valgono per me stesso", spiega. "Principalmente disegno cose che vorrei poter cambiare, cose che fluttuano sopra la mia vita quotidiana. È uno sfogo per dare vita a fantasie impossibili, come essere invisibili o volare. Tutti hanno questo tipo di fantasie"

Letto 433 volte Ultima modifica il Lunedì, 22 Ottobre 2018 10:26

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android