in News

Verso l'abolizione della politica dei due figli?

Di Pubblicato Settembre 06, 2018

Di recente si parla spesso del fatto che la Cina voglia porre fine alla sua decennale politica di pianificazione familiare che stabilisce un limite al numero di figli per ogni coppia.

La notizia principale scaturiva da un post sui social media dal “Procuratorate Daily”, giornale statale. Secondo il post su Weibo, non è stato incluso nessun contenuto relativo alla pianificazione familiare nella sezione dedicata al matrimonio di un progetto di codice civile che verrà deliberato dai legislatori nei prossimi giorni.

La speculazione è stata ulteriormente alimentata all'inizio di questo mese, il quando China Post ha rivelato il design del suo francobollo per il 2019: una famiglia di maiali formata da due genitori e tre maialini (l’animale sarà il segno zodiacale del prossimo anno). L’abbandono della politica del figlio unico alla fine del 2015 venne salutato proprio da un francobollo raffigurante una famiglia di scimmie con due piccoli, in quello che molti credevano fosse un cenno alla politica dei due figli.

twochild 1.jpg 

Ma l’abolizione del limite di due figli avverrà davvero? Dipende a chi lo si chiede.

In risposta alle indiscrezioni di questa settimana, il quotidiano in lingua inglese China Daily ha riferito che la rimozione delle disposizioni sulla pianificazione familiare dal progetto di codice non significava necessariamente che la politica di pianificazione familiare della Cina sarebbe giunta al termine.

I legislatori hanno spiegato che esiste già una legge speciale sulla pianificazione familiare, il che significa che non ci sarebbe bisogno di includere contenuti simili nel codice civile.

Li Mingshun, un professore di legge presso la China Women's University, ha spiegato che la sezione sul matrimonio del codice civile è principalmente intesa a regolamentare i diritti dei familiari.

"Per quanto riguarda l’abolizione della politica di pianificazione familiare, va detto che essa non è compresa nel regolamento della sezione sul matrimonio del codice civile", ha detto Li al China Daily.

twochild 2.jpg 

Nel frattempo, alcuni esperti hanno ipotizzato che la rimozione del contenuto della pianificazione familiare dal progetto sia uno sforzo per raggiungere rapidi cambiamenti demografici in Cina.

In effetti, la Cina ha allentato le sue politiche di pianificazione familiare alla luce del fatto che la sua popolazione sta invecchiando, i tassi di natalità sono in calo e, di conseguenza, anche la forza lavoro. L'ultima importante mossa del governo è stata nel 2015, quando ha abolito la politica del figlio unico in vigore dal 1979, consentendo alle coppie di avere fino a due figli.

 twochild 3.jpg

Quest'ultima bozza del Codice Civile, con entrata in vigore prevista per il 2020, può ancora essere interpretata come un chiaro segnale che il governo punta a ringiovanire la popolazione della nazione di 1,4 miliardi di persone.

"È abbastanza chiaro che il governo cinese è sempre più allarmato dal basso tasso di natalità e dall'incapacità di produrre l'aumento delle nascite atteso allentando la politica del figlio unico", dichiara all’Agence France-Presse Leta Hong Fincher, autrice di Betraying Big Brother: The Feminist Awakening in China.

Letto 1975 volte Ultima modifica il Giovedì, 30 Agosto 2018 13:35

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android