in News

Da stazione di polizia coloniale a nuovo centro culturale: Tai Kwun a Hong Kong

Di Pubblicato Giugno 18, 2018

A Hong Kong, una stazione di polizia dell'epoca coloniale ristrutturata e rammodernata diventa un centro culturale. Si può parlare di conservazione del patrimonio?

Più di mezzo milione di tegole in laterizio realizzate nella provincia cinese del Guangdong. Quarantamila mattoni rossi importati dall'Inghilterra settentrionale. Circa 200 celle di prigione conservate. E la cifra più sorprendente di tutte: 3,8 miliardi HK$ (413 milioni di euro) la spesa finora effettuata per trasformare lo storico complesso della centrale di polizia di Hong Kong in un centro culturale di 27 mila metri quadrati.

Il suo nome ufficiale è oggi ‘Tai Kwun’ – espressione colloquiale cantonese per "Grande Stazione"- e ha parzialmente riaperto alla fine di maggio di quest’anno, offrendo una rara opportunità agli abitanti e ai visitatori di Hong Kong di esplorare questi luoghi storici.

La maggior parte dell'architettura vittoriana ed edoardiana fu demolita molto tempo prima che gli inglesi restituissero Hong Kong in Cina nel 1997, poiché lo sviluppo economico premiava il valore della terra. Di conseguenza, sono molti i visitatori accorsi per riscoprire i 16 edifici del complesso di ‘Tai Kwun’ - costruiti tra il 1864 e il 1925 – e oggi restaurati, riadattati e fusi con elementi contemporanei come i due "cubi neri" di Herzog & De Meuron rivestiti in mattoni di alluminio.

Tai Kwun 1.JPG

Per oltre 30 anni il costruttore Tam Chi-yung ha lavorato alla ristrutturazione di grattacieli in cemento e vetro. Quattro anni fa, all'età di 63 anni, ha deciso di seguire un breve corso serale sulla conservazione del patrimonio.
"Non è stato per amore della storia, per essere onesti. Guardando tra i corsi offerti dal Consiglio dell'Industria delle Costruzioni, ho pensato che questo fosse il più adatto alla mia età e alle mie capacità, in quanto si concentrava su mattoni, intonaci e piastrellature. Con i progetti del patrimonio, ci si concentra molto di più sulla buona lavorazione e sulla scelta dei materiali, piuttosto che sulla velocità dei lavori", dice.

A testimonianza del basso numero di restauratori qualificati presenti ad Hong Kong, Tam, dopo aver terminato il suo corso di 18 ore, ha subito iniziato a lavorare su Tai Kwun. È stato assunto da Matthew Reuter, che gestisce le operazioni di Stonewest, azienda britannica con una consolidata esperienza di restauro del patrimonio.

Tai Kwun 2.JPG

"Mio nonno lavorava per Stonewest. Mio padre ha lavorato lì per oltre 20 anni ... Molti dei miei zii e cugini di entrambi i lati della famiglia lavorano con noi. L'industria del restauro ha sempre funzionato così. È così che la conoscenza viene trasmessa ", dice.

Tai Kwun 4.JPG

Sebbene il restauro di Tai Kwun abbia ricevuto apprezzamenti diffusi, ci sono state anche delle critiche. Ad esempio, i vecchi graffiti nelle celle sono stati rimossi. Wong Hung-keung, un esperto locale coinvolto in alcuni lavori iniziali a Tai Kwun, parla di crepe nei pavimenti in legno.

L’esperienza di conservazione a livello locale è dovuta in gran parte all’ordinanza per l'antichità e i monumenti di Hong Kong, entrata in vigore nel 1976, che protegge migliaia di monumenti e edifici. Ma il Jockey Club, che ha finanziato i lavori, voleva il meglio.Ci è voluto un po' di tempo per convincere il Dipartimento per l'immigrazione che era necessario un aiuto straniero.

L’ala D, uno degli edifici più antichi del sito e unica parte superstite di un blocco di carceri a pianta radiale, aveva una grossa crepa lungo una parete e l'edificio era tenuto insieme con una cintura di metallo. L’incrinatura è apparsa durante i lavori per la costruzione del grattacielo commerciale The Centrium sull'altro lato di Arbuthnot Road, durati dal 1999 al 2001. Per risolvere il problema, il team di Tai Kwun ha assunto gli stessi specialisti che hanno stabilizzato la Torre pendente di Pisa.

Le Impressionanti scale costituite da lastre di granito a sbalzo dal muro sono state mantenute solo dopo aver superato un test di carico di tre tonnellate.

Tai Kwun 3.JPG

Simon Thurley, ex direttore generale di English Heritage, che ha supervisionato la gestione di centinaia di siti storici in Gran Bretagna e consigliato il governo sulla sua politica del patrimonio, è rimasto impressionato da ciò che ha visto a Tai Kwun. Non ha "immediatamente capito" in che modo i blocchi contemporanei di Herzog & de Meuron dovevano riflettere le pareti di granito datate XIX secolo (alcuni visitatori locali dicono che i due cubi scuri e alti sembrano bare) ma ha ammirato l'approccio "intellettuale" di aggiungere qualcosa di nuovo al vecchio.

Thurley afferma che la grande sfida per Hong Kong, tuttavia,sia quella di iniziare a preservare le costruzioni di cui la gente ricorda la costruzione, ovvero i grattacieli che formano lo skyline della città.

"Nel Regno Unito abbiamo fatto una lista di edifici costruiti negli anni '60. Deve esserci una visione ampia del patrimonio. Nessuno dirà che Tai Kwun non faccia parte del patrimonio. Ma ciò che rende unica Hong Kong è la rapacità commerciale della città. È una città nata per fare soldi e negli anni si è dimostrata incredibilmente abile in questo, "dice.

Tai Kwun 5.JPG

"A Hong Kong ci sono le proprietà immobiliari più costose del mondo costruite su superfici piccolissime. Non si può dire che gli edifici più recenti abbiano distrutto ciò che c’era prima. Hanno creato invece qualcosa di nuovo, che effettivamente definisce la natura stessa di Hong Kong ".

Letto 1603 volte Ultima modifica il Venerdì, 15 Giugno 2018 10:57

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android